×

Attenzione

Joomla\CMS\Cache\Storage\FileStorage::_deleteFolder JFolder: :delete: Non è stato possibile eliminare cartella. Percorso: /web/htdocs/www.centrovictorcomo.it/home/cache/page

Disprassia a scuola

disprassia lettura in

La dislessia, così come la disgrafia, la disortografia e la discalculia, sono disturbi SEMPRE correlati alla disprassia. Ma esistono anche bambini che hanno solo un disturbo disprassico, non correlato ai disturbi di apprendimento.

Spesso anche bambini con disturbi comportamentali e/o di sviluppo, come l'ADHD e l'autismo, hanno una disprassia di base.

In breve, la disprassia può presentarsi su due livelli, simultaneamente o no: a livello motorio e a livello del pensiero. Si tratta di una disorganizzazione motoria e/o del pensiero che stanno alla base delle competenze richieste per l'apprendimento. La lettura, la scrittura e il calcolo richiedono competenze motorie (spostamento sulla riga, andare a capo, movimento sulla linea dei numeri, movimento della mano nella scrittura ecc.) e competenze di pensiero (tenere a mente, manipolare dati a mente, ecc).

Cosa si può fare a scuola per aiutare al meglio gli alunni con disprassia?

Dare tempo: il bambino può fare le cose richieste, se gli viene lasciato il tempo adeguato.

Impegnare: il fatto che il bambino abbia delle difficoltà non significa che non debba lavorare con costanza e impegno, anzi, deve essere stimolato per mantenere tali atteggiamenti.

Sottolineare: l'impegno e i successi del bambino, non i limiti e gli errori.

Permettere di usare degli strumenti compensativi durante i momenti di verifica, ma insegnare delle strategie per poter risolvere i problemi anche senza tali strumenti, affinché il bambino sia più autonomo.

Rispettare e insegnare a rispettare le differenze di ognuno.

Aiutare senza sostituirsi al bambino

Spiegare al bambino il motivo, se deve fare un lavoro diverso dai compagni: non si devono negare le difficoltà del bambino, ma bisogna aiutarlo a dargli un significato e a trovare punti di forza e strategie per affrontarli, sempre con l'obiettivo di portarlo a fare le stesse cose dei compagni.

Si è molto più delle proprie difficoltà: valorizzare i punti di forza e aiutare il bambino a pensare in modo positivo è indispensabile! Alcuni punti di forza comuni sono la curiosità, la creatività, e una grande immaginazione: insegna al bambino a sfruttare al meglio queste capacità!

Aiutare il bambino a giocare con i compagni: è molto importante che lui capisca “i tempi della relazione”, che sia capace di sintonizzarsi con le altre persone e che sia sicuro di avere un valore anche agli occhi degli altri. Aiutare il bambino a capire dove sta la sua responsabilità, e dove quella degli altri, rispetto alle difficoltà, agli insuccessi, alle frustrazioni che tutti i bambini e gli adulti incontrano nel loro cammino. Aiutarlo ad essere se stesso!

Questi consigli per aiutare i bambini nell’ambito scolastico possono ovviamente essere utilizzati anche a casa!

Centro Clinico Psicopedagogico Victor
Via Cesare Cantù 22
22100 Como - Italia

Via Giacomo Leopardi 24
22075 Lurate Caccivio (CO)

Tel. : +39.3473172717
Email: info@centrovictorcomo.it

Centro Italiano Dislessiauniped italia